Taglie forti la storia dalle origini ad oggi

La moda Taglie Forti dov è iniziata? dove si trova oggi? e che strada deve ancora fare?

Nel ultimi anni la moda curvy ha avuto un enorme crescita. Sono sempre di più i marchi d’abbigliamento che portano le loro collezioni in taglie forti. Ora, noi curvy abbiamo abbiamo un infinità di opzioni per esprimere ciò che siamo.

Per capire a che punto siamo arrivati oggi e cosa ci spetta il futuro dobbiamo andare indietro nella storia fino al 1800. In cui la forma della donna ideale era sinuosa e curvilineo. Le cose cambiano agli inizi del 1900 perché i capi d’abbigliamento non venivano più realizzati su ordinazione ma con una produzione in serie, grazie alle nuove tecnologie che correvano in quei anni. La grande distribuzione ha reso più difficile le variazioni nei capi d’abbigliamento e quindi un omogeneizzazione nelle taglie e misure.

Il primo negozio

Nel 1904, a New York compare il primo rivenditore esclusivo di taglie forti, la fondatrice è Lena Bryant (aka Lane Bryant); ha guadagnato la sua reputazione per l’abbigliamento che ha fatto per le donne incinte.

Albert Malsin (compagno di Lena) si è concentrato sulle operazioni commerciali dell’azienda. Nel 1911, il negozio di Lane Bryant incassava $ 50.000 all’anno. Il suo grande potenziale era limitato, poiché nessuno dei giornali di New York avrebbe accettato la pubblicità per abiti di maternità. La tradizione imponeva ancora che tali argomenti non fossero discussi dalla stampa.

La famiglia Malsin impiegarono fino al 1912 per convincere il New York Herald ad accettare una pubblicità. Quando finalmente il giornale lo fece, l’intero stock di Lane Bryant fu esaurito il giorno successivo. Il successo dell’azienda era ora assicurato.

l’America negli gli anni ’40, stava cercando di affermarsi come una superpotenza globale nel settore della moda. Di conseguenza, l’idea di chi fosse la “donna americana” è stata messa in discussione. Fu deciso che era alta, atletica e rotonda. Sfortunatamente, non ci sono stati investimenti nella creazione di abiti per le donne che non rientrano in quelle categorie.

Anche quando i rivenditori vendevano vestiti in taglie forti, le illustrazioni negli annunci pubblicitari non rappresentavano realisticamente le donne alle quali vendevano, o il linguaggio usato era quasi offensivo.

Negli anni ’60, la rivoluzione fu ovunque. Prendendo spunto dalle proteste della guerra del Vietnam, le donne si sono unite per combattere la distorsione del peso e la discriminazione attraverso il movimento radicale di accettazione del grasso. Sebbene il movimento non riguardasse la moda, ha posto le basi per il cambiamento di atteggiamento che si è verificato nel settore il decennio successivo.

Negli anni ’70, la moda è diventata più amare nel cercare di nascondere e nascondere le nostre forme naturali. Durante questo periodo è stata persino lanciata un’agenzia di modelle che ha utilizzato esclusivamente modelli taglie forti e minuscole.

Fu solo negli anni ’80 che “plus size” divenne l’indicatore per le taglie 14 e superiori.. Anche gli stilisti di fascia alta hanno iniziato a partecipare al gioco, tra cui Valentino e Givenchy, a causa di un calo delle vendite di abbigliamento di lusso.

Per fortuna, BBW, noto come il predecessore di Mode, la prima rivista di moda plus-size, ha soddisfatto la nostra comunità con contenuti di stile di vita, benessere e moda. Nei primi numeri includevano gli annunci dei lettori che chiedevano ai designer di realizzare abiti delle nostre taglie. Il magazine ha finito per prendere una strada diversa, ma, per fortuna, nel 1997 ha introdotto la rivista Mode.

La rivista Mode era dedicata esclusivamente alla community della moda plus-size e portava regolarmente lavoro a designer e modelli che non avevano molta visibilità altrove. La rivista ha chiuso nel 2001, ma i suoi pochi anni sono uno dei momenti più importanti della storia della moda plus-size.

Il 2008 ha visto l’inizio della blogosfera della moda plus-size, con grandi nomi come Marie Denee, Gabi Fresh e Nicolette Mason alla guida della carica. Il 2009 ha portato il primo anno della Full Figured Fashion Week, organizzata dall’ex modella plus size Gwen DeVoe. Non dovevamo più fare affidamento su riviste o pubblicità per rappresentarci: c’erano donne eleganti e sicure che indossavano le taglie 14 e superiori che ci mostravano che apparteniamo alla moda

La prima blogosfera della moda plus-size ha spianato la strada ai blogger e YouTuber che conosciamo e amiamo oggi e ha annunciato una nuova era Body positiv

Al giorno d’oggi, le modelle plus size impreziosiscono le copertine delle riviste e camminano sulla passerella e attrici di tutte le dimensioni sono protagoniste nel cinema e in TV. Non mancano i fantastici blogger di moda taglie forti da guardare e leggere. Anche così, abbiamo ancora molta strada da fare. Alcuni marchi di moda taglie forti continuano a fare riferimento agli aspetti tecnici “snelli”, le donne di taglia 14 non sono ancora abbastanza rappresentate dai media e le donne non hanno tutte lo stesso accesso allo stesso numero di opzioni di abbigliamento.

Il nostro scopo come negozio è quello offrire una più vasta gamma di capi d’abbigliamento per coprire le vostre esigenze e preferenze di stile.

– Il Passero

GUADAGNA PUNTI PER ACCEDERE A SCONTI ESCLUSIVI!

Ottieni punti per ogni acquisto da scambiare in sconti exntra!

DUBBI SU QUALE TAGLIA ORDINARE?

SCRIVICI SU WHATSAPP AL
051 6830607
MISUREREMO IL CAPO INSIEME PER TROVARE LA TAGLIA PERFETTA!

Sei nuovo su Il Passero?
Iscriviti alla Newsletter per il 10% di sconto sugli articoli a prezzo pieno nel tuo primo ordine.


Close

Cart (0)

Cart is empty No products in the cart.